Avviso di risintonizzazione per TGS, VIDEO MEDITERRANEO, ANTENNA SICILIA e TELECOLOR

Da Lunedì 1 Marzo sarà necessario risintonizzare per continuare a vedere VIDEO MEDITERRANEO (LCN 11).

https://www.facebook.com/katjuscia.carpentieri/videos/vb.1030847557/10220764474034961/?type=3&theater

 

Da Sabato 6 Marzo sarà necessario risintonizzare per continuare a vedere Antenna Sicilia, Telecolor e TGS

https://www.facebook.com/radiotvsicilia/videos/259881959018888/?redirect=false

https://www.facebook.com/lasiciliaweb/videos/4202139993236514/UzpfSTQxNjg3MTYyODM2Mjg1MTozNzk5MzI2MzYzNDUwNjc3/

Pubblicato in News

Avviso di risintonizzazione per TGS, VIDEO MEDITERRANEO, ANTENNA SICILIA e TELECOLOR

Da Lunedì 1 Marzo sarà necessario risintonizzare per continuare a vedere VIDEO MEDITERRANEO (LCN 11).

https://www.facebook.com/katjuscia.carpentieri/videos/vb.1030847557/10220764474034961/?type=3&theater

 

Da Sabato 6 Marzo sarà necessario risintonizzare per continuare a vedere Antenna Sicilia, Telecolor e TGS

https://www.facebook.com/radiotvsicilia/videos/259881959018888/?redirect=false

https://www.facebook.com/lasiciliaweb/videos/4202139993236514/UzpfSTQxNjg3MTYyODM2Mjg1MTozNzk5MzI2MzYzNDUwNjc3/

Pubblicato in News

Aggiornamenti Febbraio Mux Sicilia

Il mese di febbraio è stato caratterizzato da tante novità nell’etere siciliano, a partire dalle frequenze legate a 7GOLD.

 

Nel mux Gold 88 (UHF 31) è stato inserito VideoMediterraneo (LCN 11), mentre in tutte le versioni del mux Telerent (UHF 39) è stato aggiunto Rei Tv (LCN 89).

In entrambe le frequenze, l’emittente palermitana Radio Time TV è passata in alta definizione, mentre è comparsa la versione di 7GOLD telerent HD nella codifica H265/HEVC Main 10.

Per chi è interessato, può visualizzare anche la seguente notizia https://www.dtvsicilia.it/2021/02/03/7gold-telerent-h265m10/

 

Questa è la configurazione attuale del mux Telerent, attiva dai ripetitori di Cozzo di Castro ad Altofonte (Palermo), Contrada Costa Zita a Marineo (Palermo), Monte Pellegrino a Palermo e Solunto a Santa Flavia (Palermo):

Ant. Mediterraneo (LCN 14)
7Gold Telerent HD (LCN 17)
Gold 78 HD (LCN 78)
Rei Tv (LCN 89)
Radio Time TV (LCN 91) [trasmette in HD]
TELE ONE 19 (LCN 196)
Siciliauno C219. (LCN 219)
TeleJonica (LCN 285)
Ant. Mediterraneo HD (LCN 514) [MPEG-4 – SD]
7Gold Telerent (LCN 517)
Gold 78 HD (LCN 578)
CANALE 8 (LCN 611)
Gold 88+ TEST H265 M10 (LCN 642) [HEVC – trasmette 7GOLD telerent HD]
Radio Margherita (LCN 795)
Gold 78 Radio (LCN 778)
R.ITALIA ANNI 60 (LCN 791) [Audio muto]
Radio Time (LCN 794)

 

Questa è la composizione aggiornata dalle postazioni di Monte San Giuliano a Caltanissetta, Municipio – Piazza San Francesco a Gela (Caltanissetta), Contrada Carminello a Valverde (Catania), Monte Salvo ad Enna, Contrada Prato a Ragusa, Monte Lauro a Buccheri (Siracusa) e Belvedere a Siracusa, dove sono stati inseriti anche una copia di Gold 78 HD sulla LCN 578 e il canale Telerent Test HEVC M10 senza numerazione che trasmette un cartello:

7Gold Telerent HD (LCN 17)
TeleSiciliaColor Rete8 (LCN 18) [trasmette TELEJONICA]
TELE ONE 19 (LCN 19)
Gold 78 HD (LCN 78)
Medical Excellence (LCN 86)
Rei Tv. (LCN 89)
Radio Time TV (LCN 91) [trasmette in HD]
TCS (LCN 116)
Azzurra Tv (LCN 194)
Gold 78 HD (LCN 578)
Radio Time TV HD (LCN 591)
Gold 88+ (LCN 642) [HEVC – trasmette 7GOLD telerent HD]
Radio Margherita (LCN 795)
Rete Chiara (LCN 813)
GLOBUS Television (LCN 819)
Telerent Test HEVC M10
Radio Time (LCN 794)

 

Questa è la versione attuale veicolata dagli impianti di Monte San Calogero a Sciacca (Agrigento), Montagna Longa a Carini (Palermo), Costa Nuova – Colle Anania a Cinisi (Palermo), Monte Bonifato ad Alcamo (Trapani), Contrada Montagna a Partanna (Trapani) e da Piana delle Forche e Sant’Anna – Pizzo Argenteria ad Erice (Trapani), dove fra l’altro La Tr3 è passato in alta definizione ed è stato rinominato in La Tr3 HD (LCN 616), è stata eliminata R.ITALIA ANNI 60 (LCN 791) ed inserita Radio Time 90 sulla numerazione 793:

Ant. Mediterraneo (LCN 14)
7Gold Telerent HD (LCN 17)
Canale 77 (LCN 77)
Gold 78 HD (LCN 78)
Rei Tv (LCN 89)
Radio Time TV (LCN 91) [trasmette in HD]
TELE ONE 19 (LCN 196)
Siciliauno C219 (LCN 219)
TeleJonica (LCN 285)
Ant. Mediterraneo HD (LCN 514) [MPEG-4 – SD]
7Gold Telerent (LCN 517)
TELE ONE 19 HD (LCN 519)
Gold 78 HD (LCN 578)
Radio Time TV HD (LCN 591)
La Tr3 HD (LCN 616)
Gold 88+ TEST H265 M10 (LCN 642) [HEVC – trasmette 7GOLD telerent HD]
Radio Margherita (LCN 795)
Gold 78 Radio (LCN 778)
Radio Time 90 (LCN 793)
Radio Time (LCN 794)
Radio102 (LCN 798) [Audio di Radio Cuore]
Radio Cuore (LCN 799)

 

E per finire ecco come si presenta il mux Telerent (UHF 39), attivo dalle postazioni di Poggio Giache – Villaseta e Rupe Atenea ad Agrigento:

Ant. Mediterraneo (LCN 14)
7Gold Telerent HD (LCN 17)
TVM (LCN 18)
Canale 77 (LCN 77)
Gold 78 HD (LCN 78)
TV EUROPA (LCN 87)
Rei Tv (LCN 89)
Radio Time TV (LCN 91) [trasmette in HD]
TELE ONE 19 (LCN 196)
TeleJonica (LCN 285)
Ant. Mediterraneo HD (LCN 514) [MPEG-4 – SD]
7Gold Telerent (LCN 517)
TELE ONE 19 HD (LCN 519) [MPEG-4 – SD]
Gold 78 HD (LCN 578)
Radio Time TV HD (LCN 591)
La Tr3 (LCN 616)
Gold 88+ TEST H265 M10 (LCN 642) [HEVC – trasmette 7GOLD telerent HD]
Radio Margherita (LCN 795)
Gold 78 Radio (LCN 778)

 

Composizione mux Gold 88 (UHF 31):

 

Anche nel mux TV EUROPA (UHF 53), sintonizzabile dalle postazioni di Monte Cammarata a San Giovanni Gemini (Agrigento) e Contrada Bastianella a Canicattì (Agrigento), è stato sostituito Gold88+ con Gold 88+ TEST H265 M10 sulla LCN 642.

Configurazione aggiornata:

7Gold Telerent HD. (LCN 17)
Canale 77. (LCN 77)
Gold 78 HD. (LCN 78)
TV EUROPA (LCN 87)
TCS C116. (LCN 116)
TELE ONE 19 (LCN 196)
7Gold Telerent. (LCN 517)
TELE ONE 19 HD (LCN 519) [MPEG-4 – SD]
Gold 78 HD. (LCN 578)
TV EUROPA + 1 (LCN 620) [trasmette TV EUROPA]
Gold 88+ TEST H265 M10 (LCN 642) [HEVC – trasmette 7GOLD telerent HD]
Radio Margherita (LCN 795)
Gold 78 Radio. (LCN 778)

 

Nel mux Teleacras (UHF 29) SICILIAUNO è passato in alta definizione ed è stato rinominato in SICILIAUNO HD (LCN 219).

Situazione attuale:

Teleacras (LCN 88)
TCF (LCN 113)
SICILIAUNO HD (LCN 219)
Telesud (LCN 518) [trasmette in HD]
Teleacras+1 (LCN 621) [trasmette LA ISLA BONITA TV]

 

Nel mux 7Gold Stampa Sud (UHF 33) il canale La Tr3 è passato in alta definizione ed è stato rinominato in La Tr3 HD (LCN 616).

Questa è la composizione….

….dal ripetitore di Monte Pellegrino a Palermo:

Mi Sposo TV Sicilia (LCN 76)
Canale 77 (LCN 77)
Medical Excellence (LCN 86)
TELE AMICA (LCN 151) [trasmette EPIQA]
TSEUNO MISILMERI (LCN 199)
WCN – MARIAVISION (LCN 246)
LA GRANDE ITALIA (LCN 254)
TCI (LCN 299)
La Tr3 HD (LCN 616)
Canale78 Sicilia (LCN 640)
JUKE BOX TV (LCN 691)
RADIO JUKE BOX (LCN 750)
RADIO NEWS 24 (LCN 751)
RADIO RICORDI (LCN 752)

 

……dalle postazioni di Contrada Carminello a Valverde (Catania), Contrada Prato a Ragusa, Monte Lauro a Buccheri (Siracusa) e Belvedere a Siracusa:

Mi Sposo TV Sicilia (LCN 76)
Canale 77 (LCN 77)
TELE AMICA (LCN 151) [trasmette EPIQA]
WCN – MARIAVISION (LCN 246)
LA GRANDE ITALIA (LCN 254)
TCI (LCN 299)
7Gold Telerent (LCN 517)
La Tr3 HD (LCN 616)
Canale78 Sicilia (LCN 640)
JUKE BOX TV (LCN 691)
RADIO JUKE BOX (LCN 750)
RADIO NEWS 24
RADIO RICORDI

 

….e dagli impianti di Monte San Martino a Capo d’Orlando (Messina), Contrada Chiappazza a Castelmola (Messina) e Contrada Pirarelli a Calanna (Reggio-Calabria):

Mi Sposo TV Sicilia (LCN 76)
TELE AMICA (LCN 151) [trasmette EPIQA]
WCN – MARIAVISION (LCN 246)
LA GRANDE ITALIA (LCN 254)
TCI (LCN 299)
La Tr3 HD (LCN 616)
Canale78 Sicilia (LCN 640)
JUKE BOX TV (LCN 691)
Canale 77
RADIO JUKE BOX (LCN 750)
RADIO NEWS 24
RADIO RICORDI

 

Nel mux TCF (VHF 10 – UHF 43) sono stati inseriti TRM (LCN 13) e TRIS (LCN 172), entrambi a schermo nero, e TCF HD (LCN 585) che trasmette in definizione standard, mentre sono stati rimossi TCF MARE (LCN 645), TCF TERRA (LCN 647) e Rei_2 (LCN 622), che ripeteva Rei TV. Inoltre è stato rinominato RTP – 646 in RTP HD – 517 e spostato il canale sulla numerazione 517. La programmazione è sempre in definizione standard

 

Nel mux Rtp 1 (UHF 39) è stato aggiunto TCF – HD (LCN 585), che trasmette in definizione standard, ed eliminato RTP arch. 646 (LCN 646):

 

Nel mux Tremedia (UHF 53) sono stati tolti REI 1 89 (LCN 89), REI 2 622 (LCN 622) e Telespazio ME:

 

Nella configurazione del mux TELEMED (UHF 28), veicolata esclusivamente dall’impianto di Monte Pellegrino a Palermo, il canale denominato “Test HD” (LCN 513) ha iniziato a trasmettere TRM HD.

Nuova situazione:

TRM (LCN 13) [logo TRM 13]
Med 1 (LCN 71)
TVS (LCN 174)
Tirrenosat (LCN 271)
Med 2 (LCN 293)
Test HD (LCN 513) [trasmette TRM HD]
Telenova

 

Nella versione palermitana del mux TV EUROPA (VHF 10), attiva da Monte Pellegrino, è stato eliminato TELESUD HD. (LCN 518) che trasmetteva in MPEG-4 e definizione standard.

Composizione aggiornata:

TV EUROPA (LCN 87)
TELESUD. (LCN 118)
Telejato (LCN 273)
Radio Time TV HD (LCN 591)
TV EUROPA +1 (LCN 620) [trasmette TV EUROPA]

 

Nel mux TELESUD 3 (UHF 29) è stato rinominato Telesud Test H264 in Telesud HD Test H264 (LCN 811).

Attuale configurazione:

Tele Radio Sciacca (LCN 19)
Teleacras (LCN 88)
Alpa1 (LCN 117)
Telesud Trapani (LCN 118)
Tele Vallo (LCN 291)
Telesud Trapani HD (LCN 518)
Telesud News (LCN 649)
MARIAVISION (LCN 662)
Telesud HD Test H264 (LCN 811)
Service Test (LCN 819)

Pubblicato in News

Si salvi chi può

Fonte: https://www.newslinet.com/si-salvi-chi-puo-2/

 

Diverse decine. Tante sono le comunicazioni recanti le osservazioni alle linee guida sui bandi FSMA sottoposte a consultazione dal Mise che sono arrivate alla nostra redazione. Ne esce un quadro preoccupante.

Non tanto per il contenuto (salva qualche considerazione di cui diremo). Ma perché difficilmente il Mise potrà conciliarne indicazioni utili.

 

Divergenze estreme

Si tratta, infatti, di osservazioni quasi sempre di contenuti divergenti. Tanto che, dall’esame da noi eseguito, risulta difficile anche trarre comuni denominatori.

 

Il senso dell’HD

Per esempio, c’è una confusione pazzesca sul concetto di HD.
Leggendo le osservazioni spesso non si comprende se si faccia riferimento al formato H264 o alla nozione di Alta Definizione del contenuto (che presuppone un maggior impiego di capacità trasmissiva).

 

Tutti contro tutti

Quanto ai tagli di capacità trasmissiva, ai formati e ai criteri selettivi, si percepisce nettamente un tutti contro tutti. C’è chi ritiene indispensabile l’accaparramento di capacità trasmissiva sulla scorta del fatto che occorrerebbe a tutti i costi trasmettere in H264 all’infinito (tanto da spingersi a posticipare sine die l’introduzione del formato HEVC). E chi pretenderebbe che fossero solo i fornitori nazionali a impiegarlo (a che pro, visto che i mux nazionali non c’entrano nulla con quelli locali?).

 

Dalla legge 223/1990 al DPR 146/2017

Chi vorrebbe un inasprimento della selezione attraverso un potenziamento dei criteri ex DPR 146/2017. E chi è convinto sia bastevole l’esercizio di un FSMA da almeno due anni. Ma anche chi scomoda presunti mali della legge 223/1990, il consueto calpestio dell’art. 21 della Costituzione e professa complottismi.

 

1 MB a prescindere

Abbiamo letto di soggetti che chiedono l’imposizione di tagli non superiori a un 1 MB, sia che si trasmetta in HEVC che in H264 (ponendosi quindi all’opposto dell’esempio precedente, considerato che in H264 con 1 MB lo standard qualitativo è insufficiente).

 

I bandi per i diritti d’uso

Ma anche di fornitori di contenuti che sembrano non aver compreso che i bandi per operatori di rete, fuori dal 1° livello dell’Emilia Romagna oggetto di ripetizione, sono già conclusi.

 

A ben guardare…

Tuttavia, forse, due suggerimenti paiono (seppure proposti in contesti differenti) oggetto di qualche ripetizione.

 

Proroga

Il primo è la posticipazione dello switch-off graduale in un’unica soluzione in prossimità del giugno 2022 (c’è chi chiede anche oltre, ma sappiamo che è inverosimile).

 

Forbici

Il secondo, è la riduzione della forbice superiore del taglio di capacità trasmissiva richiedibile.

 

Individualismo coeso

Sta di fatto che se qualche romantico ottimista pensava che almeno in quest’ultima occasione (nel vero senso della parola) il popolo degli editori locali si presentasse coeso deve ricredersi.

 

Le (dis)associazioni

La sensazione è che quel che resta del giorno televisivo locale si sia ulteriormente frammentato, con le associazioni di categoria praticamente inesistenti ed una tendenza al ognuno per sé. E al si salvi chi può.

Pubblicato in News

Le tv locali di Siracusa e Catania escluse dal bando per le nuove frequenze

Fonte: https://www.canale8news.it/le-tv-locali-di-siracusa-e-catania-escluse-dal-bando-per-le-nuove-frequenze/

 

L’avvento del nuovo digitale terrestre cancellerà il mondo delle emittenti locali della Sicilia orientale delle province di Catania e Siracusa.
I bandi del MISE per assegnazione di diritti d’uso di frequenze televisive, Area tecnica 17 (Sicilia), rete di primo e reti di secondo livello, ODR 67, 68, 69, 70 e 71 del 2020 causerà il licenziamento di svariate centinaia di dipendenti e collaboratori.

Protestano gli editori siciliani titolari di concessione di Operatore di Rete che accusano la mancata applicazione delle norme e il mancato rispetto delle leggi da parte del ministero sacrificando gli sforzi e gli investimenti di molti imprenditori indipendenti.

Per la Sicilia solo una frequenza regionale di primo livello, ed una di secondo livello con copertura Palermo, due con copertura Messina e un’altra con copertura Ragusa, Enna, Caltanissetta, Agrigento e Trapani, addirittura nessuna frequenza è stata prevista per le province di Catania e Siracusa.

Tutto questo metterà fine alle storiche attività di oltre 100 imprese televisive siciliane.

Per non parlare dell’autorizzazione rilasciata alle Tv locali nel 2012 per 20 anni e che solo dopo 8 anni lo Stato ha deciso di revocare, emittenti che da oltre 30 anni esercitano con grande sacrificio e spirito di abnegazione l’attività.

Il Governo si dimentica l’essenziale ruolo informativo dell’emittenza locale in questo tragico momento.

Il Governo non si è occupato del sistema radiotelevisivo locale, che a costo di grandi sacrifici, sta svolgendo un ruolo informativo di prossimità irrinunciabile sui propri territori.

Un’attività professionale esercitata in una condizione di tante incertezze, perché di ora in ora gli inserzionisti (fonte di finanziamento essenziale dell’emittenza locale) disdicono i loro contratti pubblicitari poiché gli esercizi commerciali e gran parte delle piccole aziende sono chiuse.

E se queste imprese utilizzano la cassaintegrazione in deroga per non gravare sui bilanci, le emittenti locali non possono fare altrettanto, perché in questo momento buio devono restare al servizio dei cittadini, ed adempiere al loro obbligo e dovere civico di informare.

Le emittenti radio TV locali vogliono assicurare costante servizio e presenza sul territorio e mai come ora il loro lavoro è servizio di pubblico interesse, è vicinanza alla gente, è comunicare con un’informazione tempestiva e verificata.

L’utilità di tale servizio, mai come in questo momento, è infatti riconosciuta dagli stessi cittadini, prova ne è la sorprendente impennata degli indici di ascolto del comparto, anche dovuta all’eccezionale incremento del livello produttivo dei programmi informativi locali.

Il Bando del Mise ha praticamente messo in ginocchio le esigue speranze di una ripresa del settore.

Ma ancor più assurdo è quanto previsto dallo stesso bando: il bando di Primo livello canale 42 prevede la possibilità di aggiudicarsi la frequenza regionale, facile da immaginare che questa andrà a Rai o Ei Towers, gli altri 4 bandi non prevedono la possibilità di partecipazione delle emittenti della provincia di Catania e Siracusa, un metodo non degno di alcun commento.

In pratica le tv locali di Catania e Siracusa, ancor più del resto delle emittenti presenti, dovranno soccombere ad una strategia di potere dell’etere a dir poco vergognosa.

Il più potente che soccombe sul più fragile, antidemocratico, un gioco al massacro voluto da questo governo.

Una vera strage di centinaia di lavoratori e operatori del settore, giornalisti e registi, personale amministrativo e operatori video, insomma una vera apocalisse dell’informazione televisiva, tutto questo per accontentare chi può garantire il sistema.

Senza più introiti pubblicitari e senza un efficace intervento di sostegno il governo condanna l’informazione radiotelevisiva locale all’estinzione.

Le emittenti locali costituiscono un servizio essenziale per i territori, che non può essere soffocato.

Al Governo si chiede un immediato ripensamento, per mantenere aperta la voce di chi, per assicurare informazione di prossimità, non può chiudere né ricorrere agli ammortizzatori sociali.

Tenere aperta la linea e la voce di chi è, in questo momento, in trincea e in prima linea nell’informazione di emergenza, è un dovere che non può non essere sostenuto anche per l’utilità pubblica e sociale che assicura.

Le tariffe stabilite nel bando attribuito a Ei Towers o Rai in Piemonte, prevede oneri sproporzionati per poter essere veicolati da tali operatori aggiudicatari. Si parla di 6000 euro mensili per megabyte.

Significa che una tv locali piemontese se vuole trasmettere deve pagare tale cifre affittando la banda dai colossi dell’emittenza televisiva.

Cifre, queste, che le tv locali siciliane non possono permettersi essendo sproporzionate rispetto alla possibilità finanziaria di tali emittenti sul territorio.

Pubblicato in News