Punto della situazione in campo estero per l’Italia e il suo spettro radiotelevisivo

Analizzando solamente il caso della Sicilia, alla riunione del RSPG (Radio Spectrum Policy Group) del 5 Giugno a Bruxelles l’Italia può ritenersi tutto sommato soddisfatta. Secondo questo documento https://circabc.europa.eu/sd/a/667fce5b-016a-406d-8284-4c5fc6275286/RSPG18-025final_progress_report_crossborder.pdf, infatti, non si sono più registrate interferenze a livello televisivo con Malta.

Per quanto riguarda la liberazione dei 700 MHz, nell’area collegata alla Sicilia, l’Italia ha richiesto assistenza all’UE per risolvere le problematiche con Tunisia e Libia.

1) TUN: l’Italia ha incontrato la Tunisia diverse volte insieme a Malta, ma non sembra possibile firmare un accordo entro la fine di quest’anno.

Con l’e-mail dell’11 ottobre 2017, la Tunisia ha dichiarato che “l’emittente tunisina ha difficoltà ad accettare un 14 strati nella zona esclusiva e la nostra discussione sarà coerente per trovare un compromesso tra noi”.

La Commissione ha fornito assistenza a Malta e Italia per quanto riguarda i negoziati con la Tunisia, durante la riunione svoltasi a Tunisi il 10 maggio. Pertanto, le discussioni sono ora riprese e i progressi sono previsti alla fine dell’estate.

2) LBY: un incontro bilaterale si è svolto in Italia il 12 febbraio; dopo tale incontro è stato concordato di firmare un Memorandum d’intesa per corrispondenza postale, ma per il momento si sta aspettando la decisione del rappresentante di firma dell’Autorità libica.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.